Mission

La nostra missione è quella di offrire al cliente che risiede da noi in affitto, tutte le attenzioni possibili, con il massimo comfort che può offrire la RIGGIADIPORTOSELVAGGIO, per tutto il periodo che vorrà sostare da noi.


































































La Naturalezza di Porto Selvaggio





Scorri tra le immagini

 

 

animazione

Il Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano è un parco regionale della Puglia situato nel Leccese ed istituito con la Legge Regionale del 15 marzo 2006, n. 6.

Il Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano è interamente compreso nel territorio del comune di Nardò. Comprende la zona del parco naturale regionale attrezzato di "Porto Selvaggio - Torre Uluzzi" (istituito nel 1980) e la Palude del Capitano (classificata come area naturale nel 1997). La costa è rocciosa e frastagliata, e caratterizzata da pinete e macchia mediterranea. Lungo il litorale sono dislocate la Torre dell'Alto, la Torre Uluzzo e la Torre Inserraglio. Nel 2007 è stato inserito dal Fondo per l'Ambiente Italiano (FAI) nell'elenco dei "100 luoghi da salvare".

Il Parco Naturale Regionale di Porto Selvaggio è ricco di valori culturali, naturalistici e bellezze paesaggistiche, ma spettacolare è soprattutto l’ambiente subacqueo. Il fenomeno carsico ha modellato nei calcari cavità spesso più grandi di quelle esterne. Per effetto dell’azione combinata mare-acque di falda, queste antiche foci di fiumi sotterranei assumono dimensioni notevoli.

La grotta delle Corvine è la più spettacolare per dimensioni e ricchezza di specie biologiche marine. Gli studiosi dell’Università di Lecce hanno effettuato importanti scoperte e individuato specie mai classificate prima. All’esterno, lungo la stessa scarpata sottomarina, altre caverne minori testimoniano una intensa presenza di sorgenti fossili ed attive di acqua dolce. Le stesse, quando il livello del mare era 40-50 metri più basso di oggi, come testimoniano antiche linee di riva a quelle quote, erano certamente abitate dall’uomo preistorico. Oggi costituiscono meta di escursioni sportive subacquee e di ricerca avanzata nel campo della biologia marina.

Il Parco si affaccia sull’Area Marina Protetta di Porto Cesareo.

stemma salento territorio dell'anno

  IL SALENTO dichiarato "Territorio dell'anno 2014"





Per il secondo anno consecutivo il territorio più amato dagli italiani è risultato il Salento, anche se il distacco dal secondo posto è minore rispetto all’anno scorso.

Il sondaggio popolare è stato effettuato da “Italia Touristica”.Nei giorni scorsi sono state inviate circa 248.000 mail ad altrettanti destinatari in tutte le regioni d’Italia (nel 2013 furono 230.000), chiedendo di rispondere alla mail indicando al massimo tre territori diversi meritevoli del titolo di “Territorio dell’Anno” e, possibilmente, motivare la scelta con l’indicazione di alcune significative keywords (quelle più ricorrenti per il Salento: mare, enogastronomia, ospitalità, capitale cultura, barocco, olio, tradizioni). A rispondere sono stati in 48.236, il 19,45% degli intervistati (l’anno scorso furono 42.306, il 18,39%).

I voti ottenuti dai primi dieci territori classificati sono stati i seguenti:

Salento 1° posto con 4.412 voti (9,15%); Chianti 2° posto (4° l’anno scorso) con 4.186 voti (8,68%); Cinque Terre 3° posto (2° nel 2013) con 3.661 voti (7,59%); Perugino 4° posto con 2.879 voti (5,97%); Cadore 5° posto con 2.180 voti (4,52%); Costiera Amalfitana 6° posto (3° l’anno scorso) con 2.001 voti (4,15%); Gallura 7° posto con 1.582 voti (3,28%); Versilia 8° posto con 1.066 voti (2,21%); Cilento 9° posto con 863 voti (1,79%); Gargano 10° posto con 824 voti (1,71%).

VISITE